Obbligo di identificazione remota per le operazioni con i droni nell'Unione europea

Como gestire la conformità dell'ID remota è essenziale per le operazioni con i droni nell'UE

By DJI Enterprise DJI Enterprise
marzo 11, 2024

Se hai mai fatto volare un drone o seguito il nostro settore per un certo periodo di tempo, probabilmente conosci bene il termine "Remote ID" (ID remota). Come parte delle più recenti normative sui droni dell'Unione europea, i requisiti dell'ID remota sono stati implementati in tutta l'UE, oltre che in Liechtenstein, Islanda, Norvegia e Svizzera.

La cosa principale da sapere è la seguente: tutti i droni che operano nella categoria specifica e/o con contrassegni di classe che operano nella categoria aperta devono ora essere dotati di un ID remota diretto. Questo criterio copre la maggior parte delle operazioni. In questo articolo del blog faremo un riepilogo dell'ID remota, illustreremo l'approccio dell'Unione europea e condivideremo tutto ciò che serve sapere in termini di conformità per le attività europee.

 

Matrice 350 RTK

 

Regole per l'identificazione remota dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea

Inizieremo con le regole per l'ID remota ricevute dall'Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA).

tutti i droni che operano nella categoria specifica o con contrassegni di classe che operano nella categoria aperta devono ora essere dotati di un ID remota diretta. Coloro che non dispongono di funzionalità di identificazione da remoto devono allegare i moduli di terze parti accettati e testati dall'EASA al proprio aeromobile.

Successivamente, vedremo più nel dettaglio l'ID remota e i passaggi da seguire per garantire la conformità.

Che cos'è l'ID remota?

Il modo migliore per pensare all'ID remota è quello di vederlo come una targa digitale per il tuo drone. Per garantire la sicurezza e la responsabilità per le operazioni con i droni, l'EASA richiede che sia possibile identificare da remoto gli aeromobili. Con un numero sempre maggiore di droni nei nostri cieli, è importante che le forze dell'ordine dispongano delle informazioni necessarie per identificare i voli non autorizzati nelle aree ad accesso limitato e garantire la sicurezza dello spazio aereo

Poiché i piloti operano da remoto e spesso c'è una distanza significativa tra l'aeromobile e le autorità competenti, è necessaria una soluzione intelligente e connessa: il sistema ID remota.

Come funziona l'ID remota e quali dati vengono trasmessi?

Gli enti regolatori di tutto il mondo hanno esplorato diversi modelli per l'identificazione remota dei droni e la scelta è ricaduta sul Broadcast Remote ID (noto anche come ID remota diretta). Questo metodo prevede l'invio di segnali da parte dei droni che possono essere rilevati dai ricevitori vicini. Questa trasmissione è unidirezionale, non è mirata a un ricevitore specifico ed è quindi accessibile a chiunque si trovi nelle vicinanze con un'apparecchiatura appropriata.

E per quanto riguarda i dati trasmessi? L'EASA richiede ora che il drone trasmetta le seguenti informazioni:

  • Numero di registrazione dell'operatore del drone: si tratta di un identificatore univoco per l'operatore del drone, assegnato al momento della registrazione presso l'autorità nazionale competente.
  • Numero di identificazione del drone: un identificatore univoco per il drone stesso, di solito un numero di serie conforme allo standard ANSI/CTA-2063-A.
  • Posizione geografica, rotta e velocità del drone: latitudine, longitudine, rotta, velocità di avanzamento e altitudine della posizione attuale del drone.
  • Posizione geografica del pilota: latitudine, longitudine e altitudine del pilota o, se non disponibile, il punto di decollo.
  • Marca temporale: informazioni sul momento in cui i dati sono stati registrati o trasmessi.
  • Stato di emergenza del drone: un'indicazione dello stato di emergenza del drone.

ID remota in Europa

Tutti i droni che operano nella categoria specifica e tutti i droni con contrassegni di classe che operano nella categoria aperta devono ora essere dotati di ID remota diretto. 

Per stabilire se ciò si applica nel tuo caso, esamineremo rapidamente due importanti caratteristiche delle normative sui droni EASA: registrazione e classificazione.

Registrazione e classificazione

Per contribuire a stabilire la responsabilità e integrare meglio le operazioni con i droni nello spazio aereo condiviso, la maggior parte degli operatori di droni in Europa deve seguire un processo di registrazione. Sebbene le normative EASA coprano tutti gli stati membri, i piloti devono registrarsi presso l'autorità aeronautica nazionale del proprio paese.

La necessità di effettuare la registrazione dipende dal peso del drone e dalle sue capacità. Le uniche circostanze in cui non è necessario registrarsi sono:

  • Se il drone pesa meno di 250 grammi e non dispone di videocamera o sensore in grado di acquisire dati personali.
  • Se il drone pesa meno di 250 grammi ed è stato classificato come giocattolo

 

I piloti riceveranno un numero di registrazione valido in tutta Europa, che deve essere fisicamente visibile sul tuo aeromobile e inserito nel sistema ID remota del drone. 

L'altro fattore che influisce sugli obblighi dell'ID remota in Europa è la classificazione del drone/dell'operazione. In base alle normative EASA, i droni e le operazioni con i droni sono designate in classi e categorie diverse in base al peso, alla capacità e all'uso previsto.

Esistono alcune eccezioni limitate al requisito dell'ID remota:

  • Droni di classe 0: si tratta di droni con un peso massimo al decollo inferiore a 250 grammi, incluso il carico utile.
  • Droni C3 con tethering: questi droni devono soddisfare criteri specifici, tra cui una lunghezza del tethering inferiore a 50 metri.
  • Droni C4 senza modalità di controllo automatico: questi droni non devono avere altre modalità di controllo automatico oltre alla stabilizzazione di volo. Questa eccezione è destinata agli appassionati di aeromodellismo.

 

Per ulteriori informazioni sulla certificazione C2, leggi il nostro blog Enterprise Insights qui.

Conformità all'ID remota

I piloti che operano nell'Unione europea devono adottare le seguenti misure per garantire la conformità ai requisiti EASA per l'ID remota:

1. Registrazione: registrati presso l'autorità aeronautica nazionale del tuo paese. Ciò comporta la fornitura dei tuoi dati e la ricezione di un ID operatore univoco.

2. Contrassegnare il drone: contrassegna chiaramente il drone con il tuo ID operatore. L'ID deve essere visibile sul drone.

3. Assicurarsi che il drone sia dotato della tecnologia ID remota necessaria. È possibile eseguire questa operazione:

  • Acquistando un nuovo drone dotato di funzionalità di ID remota integrata.
  • Aggiornando il drone esistente con un modulo Remote ID se non dispone di funzionalità integrate.
  • Installando aggiornamenti del firmware: per i droni in grado di supportare l'ID remota ma che richiedono aggiornamenti del firmware, assicurati di installare questi aggiornamenti per abilitare la funzione.

4. Caricare il numero di registrazione dell'operatore (ORN) sul sistema ID remota dell'EASA. Usa l'app DJI – DJI Fly o DJI Pilot 2 – per caricare l'ORN emesso dall'autorità aeronautica nazionale del tuo paese

Come caricare il numero ORN nel sistema ID remota

1. Nella schermata principale dell'app DJI (qui prendi come esempio DJI Pilot 2), fai clic sulla mappa delle zone Geo nell'angolo in alto a sinistra.

EU Compliance Pic 2

 

2. Dopo aver effettuato l'accesso alla mappa delle zone Geo, fai clic sul pulsante RID nella parte inferiore della schermata. 

EU Compliance Pic 3

 

3. Vai alla pagina dei dettagli RID e fai clic sull'ORN per aggiungere il tuo.

 

EU Compliance Pic 4

 

 4. Inserisci il tuo ORN e fai clic su OK per sincronizzarlo automaticamente con il tuo aeromobile.

 

EU Compliance Pic 5

EU Compliance pic 6

 

Una volta completata l'operazione, l'icona RID sulla home page dell'app diventa nera. È possibile seguire la stessa procedura per modificare, eliminare o sostituire l'ORN.

 

EU Compliance Pic 7

Quali droni DJI Enterprise dispongono di funzionalità di ID remota integrata?

  • M30 / M30T Dock
  • M30 / M30T
  • M350
  • M3 E/T/M

Per i modelli DJI precedenti non presenti nell'elenco precedente, gli operatori devono acquistare moduli di terze parti per abilitare l'ID remota. L'elenco della Dichiarazione di conformità UE riportato di seguito mostra quali produttori di moduli ID remoti sono stati certificati fino a oggi. Per ulteriori informazioni sulle certificazioni EASA e un elenco di moduli di terze parti che forniscono un'identificazione remota in linea con la "Dichiarazione di conformità UE", fai clic qui.

Come faccio a sapere se la funzionalità ID remota del mio drone Enterprise funziona correttamente?

1. Controlla la visualizzazione dello stato dell'ID remota sull'app di controllo del volo DJI.

In DJI Pilot 2, se l'ID remota funziona correttamente, l'icona RID nell'angolo in alto a sinistra della home page di DJI Pilot 2 verrà visualizzata in nero, e DJI Pilot 2 mostrerà Normale nella vista fotocamera, come mostrato di seguito.

Vista mappa:

EU Compliance Pic 8

 

Vista fotocamera:

EU Compliance Pic 9

 

Se l'ID remota del tuo aeromobile funziona in modo anomalo, l'icona RID nell'angolo in alto a sinistra della home page di DJI Pilot 2 verrà visualizzata in rosso e nella pagina di configurazione dell'ID remota verrà visualizzato un errore.

 

EU Compliance Pic 10

 

2. Controlla la rete WLAN per verificare se la RID sta trasmettendo.

È inoltre possibile controllare le reti WLAN locali per verificare se il numero seriale dell'ID remota sta trasmettendo. Utilizza il telecomando DJI per avviare i motori del drone e quindi verifica la presenza di reti WLAN locali.

 

EU Compliance Pic 11

 

Se vedi una stringa preceduta dal prefisso "RID-" e seguita da un numero seriale dell'ID remota alfanumerico a 20 cifre in "Reti disponibili", significa che l'ID remota funziona correttamente.

Quali droni DJI di livello consumer sono dotati di una ID remota integrata? 

Le normative relative all'ID remota si applicano anche ai droni di livello consumer. Questi modelli DJI sono dotati di funzionalità R-ID integrate

  • Mini 4 Pro (con certificazione C1) 
  • Air 3
  • Mavic 3 Pro / Cine
  • Mavic 3 Classic
  • Mavic 3 / Cine

Dove posso saperne di più?

È possibile leggere le normative complete sui droni e la legislazione sull'ID remota dell'EASA qui

Share on Social Media:

Tags: Regolamento, Ecosistema di droni

DJI Zenmuse L2 Accuracy Analysis and use case exploration

Per restare in contatto e ricevere e-book, risorse e aggiornamenti sui prodotti, iscriviti alla nostra newsletter.

DJI Enterprise
Circa l'autore DJI Enterprise

Articoli Correlati

Articoli recenti

Innovazione di Prodotto | Costruzioni e Agrimensura

Le 10 principali caratteristiche all'avanguardia del DJI Zenmuse L2

DJI è all'avanguardia nell'innovazione dei droni e delle immagini aeree. Lo Zenmuse L2, il nostro ultimo sistema LiDAR aereo, espande i confini di ciò che è possibile fare nell'acquisizione di dati...
Per saperne di Più

Costruzioni e Agrimensura

Tutto quello che c'è da sapere sui rilievi con i droni

I droni si dimostrano sempre più potenti strumenti commerciali, offrendo agli utenti un salto di qualità in termini di efficienza e sicurezza. Il settore del rilievo e della mappatura non fa...
Per saperne di Più

Costruzioni e Agrimensura

Importazione dei dati del drone DJI in Trimble Business Center

Le immagini acquisite dai droni sono uno dei metodi migliori per acquisire informazioni sul cantiere. La risoluzione dei dati e la frequenza di acquisizione consentono di ottenere aggiornamenti...
Per saperne di Più
DroneDeploy with DJI Enterprise Drone

Agricoltura

Aumenta la resa delle colture con DJI Mavic 3 Enterprise e DroneDeploy

I coltivatori che vogliono essere all'avanguardia in questa stagione vegetativa possono ora utilizzare la potente coppia di Mavic 3 Enterprise (M3E) e DroneDeploy di DJI per il conteggio degli stand...
Per saperne di Più